Il fascino che circonda i pellicani playoff

La stagione regolare della NBA è la metà del basket, eseguita a un livello relativamente alto dai giocatori più straordinariamente talentuosi del mondo. Mentre l’altra metà è un flusso di narrazioni in continua evoluzione, plasmate da quei giocatori e dai media, per mantenere i fan investiti fino all’inizio dei playoff.

Per i pellicani di New Orleans, la narrazione è passata dal potenziale delle loro “Torri gemelle” nella loro prima stagione completa insieme, alle esibizioni duellanti del duo di proporzioni titaniche in una determinata notte, all’orribile infortunio di fine stagione di Cousins, ad Anthony Davis ‘Tratto degno di MVP alla fine della stagione.

Ora, però, i playoff sono qui e i pellicani hanno perso tutto il loro bagaglio della stagione normale, dimostrando di essere uno dei più grandi pareggi della postseason finora. Alcuni fan e esperti potrebbero indicare la serie ultraterrena di Anthony Davis come la forza motrice dietro la via 4-0 dei pellicani dei favoriti Portland Trail Blazers, ma alla fine è stato più il loro sforzo collettivo che il suo brillante splendore individuale.

L’elefante nella stanza è ovviamente Jrue Holiday, la cui performance di breakout ha sconvolto l’Associazione. Durante la sua carriera, Holiday ha sempre mostrato lampi di difesa d’élite, ma il suo impatto difensivo contro la zona d’élite dei Blazer non può essere minimizzato. L’abilità di Holiday e Davis di contenere il famoso attacco pick and roll dei Blazer ha definito la serie – e questo evita il fatto che contemporaneamente ha segnato in media 27,8 punti su 56,8 percento dal campo e 35,0 percento da oltre l’arco mentre giocava con la difesa mondiale .

A parte le straordinarie esibizioni di Davis e Holiday, penso che ci sia da argomentare che il successo dei pellicani è dovuto in parti uguali a Rajon Rondo – che è salito alla sua forma finale – affettuosamente noto come “Playoff Rondo”.

Rondo non è stato lo stesso giocatore dai suoi giorni a Boston, dove ha magistralmente comandato un reato consistente in altri tre futuri e attuali Hall of Famers. Negli anni successivi, il contingente di fan che sostengono che Rondo è ossessionato dai numeri, egoista e inefficace nel gioco di oggi si è scontrato con i simpatizzanti di Rondo. Mi sono sempre trovato in quest’ultimo, convinto che Rondo si sia continuamente trovato in una brutta situazione dopo l’altra. Che si trattasse di Rick Carlisle che limitava il suo genio come punto di guardia libero pensiero, sprecando un anno di distanza a Sacramento, o il suo anno solitario a Chicago, dove finalmente trovammo “Playoff Rondo” riemergere come una forza legittima – Rondo non fu mai in grado a prosperare come il veterano della battaglia che ha dimostrato di essere.

I segni rivelatori di Playoff Rondo sono tagli alla gola verso il canestro, brillanti falsi tiri, passaggi impensabili (tariffa standard per Rondo), mani fulminanti e una leadership sublime che sembra quasi poetica per un arco di carriera come quello di Rondo.

Divenne dolorosamente ovvio per Damian Lillard e CJ McCollum che Rondo aveva metodicamente sezionato il loro reato, messo in azione e messo in azione; permettendogli di riconoscere ciò che i Blazer stavano cercando di trovare e come negarli. E pochissimi giocatori hanno il “QI” (ambiguamente gettato intorno alla frase) per trasformare una partita a dama in scacchi, costringendo l’opposizione a impiegare audibili in un’era che non è tradizionalmente condizionata a farlo. Rondo è uno di quei pochi giocatori, che sembra inerente dopo essere stato governato da uno stalwart difensivo come Kevin Garnett. Quindi è giusto che lui, ora a sua volta un veterano, conduca una squadra di giovani stelle in battaglia come Garnett e Pierce una volta lo hanno guidato.

Mentre Rondo aiuta a coordinare una difesa ancorata da difensori di tutto il mondo come Anthony Davis e Jrue Holiday, e anche in misura minore Nikola Mirotic – il suo piano generale non può essere minimizzato. Rondo è uno dei passanti veramente supremi della lega. Non solo tra la varietà odierna di protezioni punto-primo, ma nella storia del basket. Abbina il suo occhio per manipolare gli angoli di passaggio con la sua abilità nel finire intorno al bordo, eccellenti falsi tiri e conoscenza di dove esattamente ogni compagno di squadra vuole la palla – e non sorprende che Rondo possa fare una media di 13.3 assist mentre continua a giocare all’interno dei confini dei Pellicani offesa.

Il prossimo trionfo dei pellicani dovrà arrivare a spese dei Golden State Warriors, che appariranno senza Stephen Curry per l’intero secondo turno. Mentre questo certamente migliora le possibilità dei pellicani di conquistare il Golden State, che li ha spazzati nella loro ultima apparizione ai playoff, i Warriors hanno ancora un vantaggio decisivo su Anthony Davis e co.

A differenza dei Blazer, che commettono un reato incentrato sul pick and roll che è stato devastato dalla difesa dei pellicani, i Warriors si trovano raramente in situazioni di pick and roll. Invece, optano per un’offesa più spaccata e con movimento pesante – con una varietà di insiemi di triangoli spruzzati dentro. Non solo ciò significa che i pellicani accenderanno la difesa in modo più frenetico da una varietà di angolazioni, ma significa che Playoff Rondo ha vinto essere in grado di provare la propria offesa così casualmente.

Negli ultimi anni, sembra che l’universo e / o gli dei del basket abbiano già deciso il risultato della serie che abbiamo visto in virtù del seeding o delle narrazioni, e che si stanno semplicemente svolgendo per confermare quel risultato finale. L’Associazione ha avuto ben poco in termini di deviazione da tale principio. Quindi non dovrebbe sorprendere che una squadra avrebbe combattuto una battaglia in salita se contrapposta al campione in difesa, ma i pellicani non stavano affrontando una battaglia in salita contro i Blazer? Hanno sicuramente capovolto quella nozione in testa. Quindi la palla è nel tuo campo Basketball Gods, e i pellicani sembrano pronti per qualsiasi cosa tu abbia instore per loro.