Grazie Pavel Pardo – Steven Passmore – Medio

Grazie Pavel Pardo

La parte triste della storia del fuoco di Chicago è che mentre sottoperformiamo il nostro mercato, abbiamo avuto giocatori leggendari nella nostra organizzazione. Questo è un club che ha schierato Hristo Stoichkov, Freddie Ljungberg, Arevalo Rios, Jorge Campos, Guillermo Franco, Brian McBride, Arne Friedrich, Cuautehmoc Blanco e altri in vari punti della loro carriera. A volte non funzionano. A volte come Freddie Ljungberg sono venuti qui in alto e hanno parlato in modo forte con i fan ma poi sono stati sovraperformati dai nostri prodotti nazionali. A volte come Guillermo Franco non avremmo mai dovuto firmarli per cominciare.

Il mio secondo giocatore preferito nella storia del nostro club, dietro il potente Cuauhtemoc Blanco, era un’altra leggenda del Club America Pavel Pardo.

Pavel Pardo è ampiamente rispettato sia in Europa che in Messico per la sua carriera da giocatore. Quando andò al VfB di Stoccarda fu un blazer da pista per tutti i messicani. Anche Pavel Pardo è venuto qui e si è esibito oltre le nostre aspettative o ciò che gli abbiamo pagato. Quando sul campo ci sono giocatori che si esibiscono come Pardo o Arne Friedrich, è come avere un assistente allenatore proprio lì con i giocatori durante il gioco.

Anche Pavel Pardo era divertente perché avrebbe fatto cose come una pubblicità d’auto per una concessionaria dei sobborghi del sud-ovest, ma mai “americanizzato”. Amava Chicago e prendeva sul serio il nostro campionato, ma conservava ancora chi era. Un professionista ben viaggiato. È stato difficile vederlo sul nostro campo senza indossare il Club America giallo e blu – ma puoi vedere che ha mantenuto il talento per esibirsi a quel livello anche se era in una lega minore.

Pavel Pardo si è ritirato con il nostro club e per questo ha una casa speciale qui per sempre. Non solo, ma è arrivato a Bridgeview così vecchio, ma ancora prodotto sul campo. Che arrivò e introdusse un livello di professionalità nella club house e pratiche necessarie durante l’era di Frank Klopas. Amo Frank Klopas come persona, figura nel nostro club, e ho avuto il privilegio di giocare con lui sul campo – come ho spiegato in dettaglio, ma era un orribile tattico. È stato criticato da Freddie Ljungberg e Joel Lindpere per essere semplicemente troppo dilettante con le pratiche. Anche Hunter Jumper è saltato dentro, ma fermiamoci un momento e parliamo del bel ragazzo Freddie Ljungberg – se l’Arsenal è molto più professionale del Chicago Fire, forse dovresti fotterti lì … e lui ha.

Tutte queste critiche sono state livellate, ma nel 2012 abbiamo ancora fatto i playoff. Perché? Frank Klopas è un buon manager in quanto fa desiderare ai giocatori di guadagnare la sua fiducia e affetto – ma ciò che gli mancava di conoscenza tattica è stato compensato sul campo da Arne Friedrich e Pavel Pardo. Dimentichiamo perché abbiamo perso, ma siamo anche andati alla finale della US Open Cup 2011 (di cui ho sentito storie leggendarie dai fan che hanno fatto quel viaggio). Lo abbiamo fatto perché Pavel Pardo era un genio sul campo. Ha organizzato la nostra difesa e ha schierato il nostro centrocampo. Non ha avuto problemi a sporcarsi le mani giocando prima a difendersi e poi a passare secondo. Ricordi quante volte Pardo avrebbe fatto passare un passaggio in Oduro solo per fargli perdere uno contro uno con un portiere? Forse è un’idea per un altro articolo.

Ha fatto quarantuno presenze con il nostro club e segnato due volte. Uno era un banger di punizione. Sì, potrebbe prendere anche quelli. Penso che quello che ha fatto con la sua intelligenza di calcio sia stato molto più grande. Pavel Pardo ci ha spinti in alto dove non appartenevamo. Questo – quello che sto scrivendo – è un omaggio e grazie. “Gracias” per essere venuti nel nostro club, lo zimbello della lega e aver fatto ciò che hai fatto.

Dopo essersi ritirato, ha immerso il piede sia nell’allenamento sia in un esperto televisivo in Messico. Nel 2016 si vociferava che il Chicago Fire offrisse a Pavel Pardo e Arne Friedrich la possibilità di allenare. Forse i soldi sono stati un fattore, ma ovviamente Pauno ha finito con il lavoro. Tuttavia, forse, se licenziamo Pauno per aver fallito, dovremmo considerare di offrire di nuovo il lavoro a quei due. In questo momento è coinvolto con Atlas e la loro giovinezza. Quindi sta sviluppando il suo talento come allenatore. Lo vedo totalmente da come si è comportato come un tattico sul campo. Un giocatore di scacchi con un pallone da calcio. Era un professionista e un amico dei fan. Tutti quelli che conosco che lo hanno incontrato hanno detto che era sia gentile che umile. Grazie ancora. Pardo venne nel nostro club e si ritirò qui, ma non trattò il Chicago Fire come un passo verso il suo inevitabile ritiro. Ha trattato il nostro club con rispetto e ha difeso il nostro distintivo con la classica “tradizione, onore, passione”. Ha trattato il nostro club in un modo che non meritavamo per qualcuno così talentuoso come lui – grazie, sei una leggenda per sempre a Bridgeview!