Tutto quello che devi sapere sulla Lega americana (finora)

Di: Colin Masterson

La stagione regolare della Major League Baseball 2016 è iniziata il 3 aprile, segnando l’inizio della fine per le grandi carriere del David Ortiz dei Red Sox e dell’emittente della Dodgers Hall of Fame Vin Scully. Ha anche segnato l’inizio della carriera per molte giovani prospettive interessanti. Le squadre iniziano anche la stagione piena di speranza che giocheranno a baseball bene nei mesi autunnali.

Sfortunatamente per la maggior parte di questi club, queste speranze di sollevare il Trofeo del Commissario svaniscono a causa di circostanze impreviste che si verificano lungo il percorso. Questa stagione in particolare è stata piena di titoli di notizie che si estendono su tutte e 30 le squadre.

Tuttavia, a causa del fatto che questo blog non esisteva, non siamo stati in grado di segnalarli. Quindi, per raggiungerci, vi presento il riepilogo della stagione MLB 2016, a cominciare dall’American League.

Dato che non temiamo alcun contraccolpo da “distorsioni della costa orientale” qui all’uscita 13, inizieremo con il (co) 1 ° posto Boston Red Sox dell’AL East.

All’indomani di due terribili stagioni dopo aver vinto le World Series nel 2013, i Red Sox, guidati dal nuovo presidente delle operazioni di baseball Dave Dombrowski e dal manager John Farrell, sapevano che la squadra doveva iniziare un inizio caldo nella stagione 2016. Per raggiungere questo obiettivo, i Sox hanno consegnato un premio di grandi prospettive ai Padri di San Diego per acquisire Closer Craig Kimbrel e una pesante somma di $ 217 milioni per firmare l’agente libero a partire dal lanciatore David Price. I Red Sox si affidano anche alle giovani star Mookie Betts, Xander Bogaerts, Jackie Bradley Jr. e Eduardo Rodriguez per fornire la scintilla necessaria per portare la squadra al livello successivo e competere per le World Series.

Il lancio, ritenuto la più grande debolezza dei Red Sox nel corso dell’anno, si è dimostrato al massimo traballante. Tuttavia, ci sono state alcune sorprese come il 31enne Knuckleballer Steven Wright, che è tra i primi cinque nella classifica americana dell’ERA.

L’altra squadra in cima all’AL East è Baltimore Orioles di Buck Showalter. Alla piastra, gli O sono stati altrettanto devastanti quanto il rivale della divisione Red Sox, che seguono in tutte le principali categorie offensive. Questa ondata offensiva è stata guidata dai soliti sospetti Manny Machado, Chris Davis e Mark Trumbo, nonché dall’aggiunta offseason Hyun Su Kim, che è tra i primi della classifica in uscita offensiva per un giocatore esterno.

Gli Orioles sono stati anche aiutati da un eccezionale lancio di partenza, ma le stelle della loro squadra sono state le braccia bullpen di Darren O’Day e Zach Britton, che sono entrambi vicino alla cima della AL in strikeout e hit.

Al contrario, nel grande nord bianco, i Toronto Blue Jays soffrono di un avvio molto lento. Sebbene i Blue Jays si siano impennati nell’ultima settimana, non riescono a recuperare terreno nella divisione. Sono ancora in fondo alla classifica in uscita offensiva, il che è deludente se si considera che questa stessa squadra ha guidato i Majors in corsa solo un anno fa.

I Jays sono anche frenati dal lancio poco brillante dei loro due migliori antipasti che vanno nel corso dell’anno, Marcus Stroman e RA Dickey, che hanno entrambi le ERA sopra le quattro piste per nove inning.

Seguendo i Blue Jays vicino al fondo della divisione ci sono i New York Yankees e i Tampa Bay Rays. Entrambe le squadre sono state fallite da prestazioni orribili, decisamente lontane dalle loro offese. In effetti, le due squadre sono nella metà inferiore di ogni categoria offensiva principale nella Lega americana. Una differenza tra questi due abitanti del seminterrato è che almeno gli Yankees hanno un buon bullpen per chiudere i giochi con il mostro lanciatore a tre teste di Dellin Betances, Andrew Miller e Aroldis Chapman.

Sfortunatamente per gli Yankees, al fine di utilizzare correttamente questo bullpen, è necessario avere più corse rispetto all’avversario, che è stato un concetto con cui hanno lottato con forza. Anche i Tampa Bay Rays hanno avuto un momento difficile con l’idea di vincere partite e sedersi vicino al fondo della Major League Baseball.

L’American League Central è stata guidata dal colosso a sorpresa degli indiani Cleveland. Gli indiani hanno sparato su tutti i cilindri dopo aver perso 2 su 3 nella loro serie di apertura e da allora non hanno guardato indietro. Offensivamente e sul campo, la Tribù è stata guidata da un gruppo di talenti sottovalutati della Major League Francisco Lindor, Jason Kipnis e Yan Gomes. Anche il personale di lancio degli indiani è stato superbo, affiancato dall’ex vincitore del Cy Young Award Corey Kluber e dai giovani pompieri Carlos Carassco e Trevor Bauer.

Alle spalle di Cleveland ci sono i due volte in difesa del campione della American League Royals che, nonostante abbia perso il potere colpendo il 3 ° Baseman Mike Moustakas a causa di un ACL lacerato, si è lanciato fino a tardi dietro un reato che è tra i primi cinque in ogni categoria principale. Questo recente tratto vincente è stato anche caratterizzato da un eccellente lancio dei loro principianti e sono di nuovo in testa alla classifica in tutte le statistiche di lancio.

Non lontano da Kansas City si trova il sorprendente Chicago White Sox, che è entrato nel mese di giugno solo 3 partite al primo posto della divisione. I White Sox sono stati guidati all’inizio da un brutto lancio da parte degli antipasti Chris Sale e Jose Quintana, che sono entrambi tra i primi cinque in campionato in ERA. Questa rotazione sarà inoltre ulteriormente potenziata dalla recente acquisizione dell’antipasto James Shields.

Uno dei punti deboli dei White Sox è il piatto dato che il team è stato ampiamente deluso da importanti aggiunte fuori stagione Todd Frazier e Brett Lawrie, nonché da veterani come Jose Abreu e Adam Eaton.

In una situazione opposta, le Tigri di Detroit sono state afflitte da lanci orribili al di fuori del loro libero agente fuori stagione che firma Jordan Zimmerman. I lanciatori Justin Verlander (quel ragazzo che è fidanzato con Kate Upton), Anibal Sanchez e Mike Pelfrey sono tutti vicini al fondo della classifica in ERA e i colpi sono ammessi. L’offesa delle Tigri è tuttavia nella metà superiore del campionato e continua a mettere su numeri solidi, anche senza importanti contributi da giocatori come Miguel Cabrera.

Verso il fondo della AL Central abbiamo i Minnesota Twins, che sono stati all’ultimo posto dal 4 aprile e non hanno mostrato segni di rallentamento nella loro discesa verso la mediocrità. I gemelli sono una Atlanta Braves che vince dal “guadagnare” la prima scelta nella bozza del prossimo anno, quindi sembra che le brave persone del Minnesota non avranno nulla da guardare fino al campo di addestramento dei Vichinghi e all’inizio della stagione della pesca del luccio.

L’AL West è stata la storia di due squadre: Seattle Mariners e Texas Rangers. Entrambi i club sono partiti per i loro inizi straordinari grazie alle loro offese.

Sia Seattle che il Texas hanno cavalcato i pipistrelli caldi di tutti i loro giocatori, il che è qualcosa di molto raro da vedere ai nostri giorni, ma dimostra quanto sia profondo il pool di talenti nella MLB di oggi. Queste due squadre hanno anche girato in groppa ai loro assi come Felix Hernandez e Cole Hamels. L’unica differenza è che i Ranger hanno appena recuperato il loro asso numero due con il ritorno di Yu Darvish, mentre i Mariners realisticamente hanno solo un grande lanciatore iniziale e sono sostenuti da un grande bullpen guidato dal Closer Steve Cishek. I Rangers e i Mariners si sono entrambi affermati come i migliori giocatori del campionato e dovrebbero lottare per raggiungere i vertici nella divisione almeno fino alla fine dell’estate.

Altrove nella divisione, non c’è molto da dire. Houston è stato deluso dalle prestazioni poco brillanti dei loro giocatori principali, tra cui Dallas Keuchel, che fino a questo momento ha registrato il numero peggiore della sua carriera.

I Los Angeles Angels stanno anche facendo un ottimo lavoro nel perdere i primi anni di uno dei migliori giocatori di baseball, Mike Trout. Gli Angeli hanno ben poco da mostrare sul tumulo e al piatto, questo ha portato a loro di essere solo una partita dall’ultimo posto nella divisione nonostante il fatto che Trout abbia avuto una delle sue stagioni più complete fino ad oggi.

Quell’unico gioco è la differenza tra gli Angeli e l’ultimo posto di Oakland A. A parte le prime sorprese del lanciatore 36enne Rich Hill e la potenza che colpisce Khris Davis, le A non hanno davvero molto da mostrare per questa stagione oltre ad essere la terza squadra sportiva più popolare nella Bay Area in questo momento al di fuori di i Golden State Warriors e gli squali di San Jose.

Seguici su Twitter Exit 13