Come il basket WKU è in grado di competere con otto giocatori

Chiunque abbia visto Battle 4 Atlantis in questo fine settimana del Ringraziamento si meraviglia della qualità delle squadre e della qualità dei giochi. Delle otto squadre del torneo (Arizona, North Carolina State, Northern Iowa, Purdue, SMU, Tennessee, Villanova e Western Kentucky), la WKU sembrerebbe il perdente proibitivo. Tuttavia, i Topper hanno terminato il torneo 2–1, con vittorie su Purdue n. 18 e una squadra Top 25 del KenPom in SMU, finendo al quinto posto.

La WKU ha guidato la maggior parte del primo tempo contro il Villanova prima di sfinirsi alla fine del secondo tempo, perdendo di otto contro un contendente al titolo nazionale. Gli Hilltoppers hanno quindi combattuto contro un’enorme squadra Purdue e hanno controllato a fondo il tono del gioco, guidando l’intero percorso dopo aver cancellato il vantaggio solitario di Purdue a 3–2 nei primi due minuti. I Top quindi, nonostante siano rimasti indietro per 38+ minuti, sono stati in grado di rimanere con SMU ed essere abbastanza vicini da strappare la dura vittoria alla fine.

Quindi, questo pone la domanda,

Come lo stanno facendo?

Legittimo talento ed esperienza

Nel loro elenco attivo, la WKU ha sei giocatori classificati come tre stelle o meglio che escono dal liceo. Due (Dwight Coleby e Darius Thompson) hanno continuato a suonare nelle scuole per conferenze Power 5 che hanno fatto profonde gare nel torneo NCAA. Si sono diplomati e trasferiti alla WKU per l’ultimo anno di ammissibilità. Junior Lamonte Bearden ha recitato nelle squadre del torneo NCAA con Buffalo. L’anziano Justin Johnson ha segnato 1180 punti nella sua carriera come Hilltopper. Taveion Hollingsworth è stato il Kentucky Mr. Basketball del 2017. Jake Ohmer si sta dimostrando un legittimo tiratore scelto con un rilascio rapido.

Massimizzare le opportunità e minimizzare le debolezze

La WKU saltò presto su Villanova e Purdue. La WKU non ha ceduto il vantaggio contro Purdue, nonostante una significativa pressione di gioco nel secondo tempo. Villanova ha dovuto davvero lottare per ottenere il vantaggio contro gli Hilltoppers poco prima dell’intervallo e le Top erano a una distanza impressionante fino a quando mancavano dieci minuti al gioco.

Oltre alle ottime partenze, WKU è stata efficiente in aree che non avrebbero dovuto essere contro squadre con dimensioni e profondità superiori. Contro probabilmente la migliore difesa contro la pressione nel paese, la WKU l’ha ribaltata solo una volta in più rispetto a Villanova. Inoltre, i Topper hanno commesso un fallo totale di 11 volte contro i Wildcats, rimanendo fuori dai guai e permettendo una rotazione efficace di otto corpi.

WKU Basketball: Tops Outgrind SMU, vieni da dietro in una vittoria drammatica 63–61
Il basket maschile del Kentucky occidentale lo ha fatto di nuovo. Nonostante un elenco emaciato a causa di trasferimenti di preseason e … medium.com

Contro Purdue, Justin Johnson è andato in punta di piedi con i centri 7’3 “e 7’2” di Purdue, Matt Haarms e Isaac Haas, e i Topper hanno rimbalzato contro i massicci costruttori di caldaie. Contro una delle migliori difese perenni nella NCAA, la WKU ha accumulato 77 punti e ha avuto un rapporto assistenza / turnover positivo.

Giovani giocatori che contribuiscono con minuti significativi

Scoprite questa linea di statistiche: Freshmen Jake Ohmer e Taiveion Hollingsworth hanno combinato per 16–26 tiri, 8-10 da tre e 8-9 tiri liberi attraverso due partite in Battle 4 Atlantis. Wow.

1–3–1 Difesa della zona

Il capo allenatore della WKU Rick Stansbury gestisce generalmente una difesa da uomo a uomo. Tuttavia, con sette o otto giocatori disponibili, da uomo a uomo è una domanda difficile. La difesa dell’uomo richiede uno sforzo enorme da parte di ciascun difensore, perché ogni giocatore deve seguire il proprio ragazzo in tutto il campo. Chiedere a un elenco di sette di correre per 40 minuti è una logica discutibile. Inoltre, se i giocatori nel roster hanno responsabilità significative in modo difensivo, la difesa da uomo a uomo esporrà ulteriormente i disallineamenti.

La difesa di zona è generalmente un approccio conservativo che consente alle squadre di mascherare le debolezze individuali e conservare l’energia. Stansbury ha menzionato in alcune interviste post partita la scorsa settimana che ha cercato di mascherare alcuni Top che non sono altrettanto difensivi, e la zona è un’opportunità perfetta per minimizzare la responsabilità per un difensore povero. Dall’osservazione e dal posizionamento nella zona, sembra che tre dei Topper difensivamente carenti siano Justin Johnson, Jake Ohmer e Marek Nelson. Quindi, Johnson e Nelson sono generalmente al punto di stampa con le loro dimensioni e lunghezza. Ohmer è di solito alato, dove è efficace nel creare il caos, ma c’è una ragione per cui è posto in un punto meno significativo della difesa.

La zona 1–3–1 è una difesa a rischio. Come? Quando guardi il diagramma, dove sono i buchi? La linea di base e le ali sono esposte. La parte centrale della vernice è altamente protetta, con un uomo che oscilla avanti e indietro, a seconda di dove si sposta l’offesa o dove va la palla. Quando la palla entra in una delle aree deboli, i difensori convergono naturalmente da due lati e intrappolano il giocatore offensivo. Generalmente, un’offesa intelligente farà correre un uomo sulla linea di base, e quando la difesa converge sulla linea di base, un giocatore si rende disponibile sull’altro lato della corsia, e un altro sfrutta i punti liberi nel mezzo della corsia. Se un’offesa riesce a trovare un punto aperto nel mezzo della corsia, ci saranno almeno due corsie di passaggio verso gli angoli della mezza curva.

Nota : la difesa di base del Middle Tennessee è 1–3–1. Reclutano giocatori esplosivi e atletici con le braccia lunghe perché è quello di cui hanno bisogno per gestire la loro difesa. Middle ha dato un momento difficile allo Stato del Michigan e ad alcuni altri grandi nomi, perché l’1–3–1 non è comunemente giocato a livello universitario ed erano poco familiari con la complessità di un 1–3–1. Tuttavia, poiché questa difesa è difettosa, MTSU ha perso inaspettatamente le squadre che hanno capito come attaccare la loro zona. Di recente, MTSU ha avuto atleti di livello superiore che rendono l’1–3–1 soffocante e intimidatorio.

A causa del design della difesa, il giocatore offensivo generalmente deve lanciare sopra o intorno almeno uno dei difensori, e generalmente 1–3–1 costringe gli avversari a pensare a dove stanno cercando di andare La pallacanestro. Questa zona può essere battuta con buone decisioni e sfruttando errori da parte della difesa. È una difesa imperfetta e non dovrebbe essere una soluzione a lungo termine. Finora quest’anno, la WKU entra ed esce da questa zona, oltre a lanciare un uomo, e una zona 2–3. La WKU ha giocato molto di più per 2-3 contro Villanova, perché voleva tenerli fuori dalla corsia. Purdue era molto più un tipo di avversario a forza bruta, quindi il WKU giocava molto più da uomo a uomo per competere sul vetro e lanciava l’1–3–1 per accelerarli.

Con la mancanza di profondità della WKU, devono giocare d’azzardo a un certo livello, senza mettere a rischio i giocatori di commettere falli. Oltre alla profondità della capsula di Petri, la WKU è sottodimensionata all’interno, ma possiede una lunghezza e una rapidità significative in altre posizioni. La WKU gioca diversi giocatori da 6’7 “con le braccia lunghe, quindi metterli sul punto di stampa ha causato il caos finora nel 2017-2018.

L’1–3–1 della WKU ha permesso loro di forzare quasi 20 fatturati a partita durante la stagione e, a causa delle deviazioni e delle pause veloci, la WKU ha generalmente dominato la battaglia dei tiri liberi, nonostante sia stata sovradimensionata ogni volta che scende in campo.

In che modo WKU è in grado di competere, nonostante sia superiore a più livelli? Hanno trovato il modo di creare il caos con la difesa 1–3–1 e stanno permettendo al loro atletismo e rapidità di creare canestri facili e sguardi aperti. Hanno ridotto al minimo il loro carico difensivo giocando a zone. Hanno tre matricole in grado di svolgere ruoli di leadership significativi e hanno tre giocatori esperti con una significativa esperienza nei tornei NCAA oltre ai loro due giocatori di ritorno dal 2016-2017.