Top 100 giocatori della NBA | 2018-19

Ho deciso di fare un elenco dei migliori 100 giocatori NBA, andando nella stagione NBA 2018-19. È molto più difficile di quanto mi aspettassi inizialmente, ma ce l’abbiamo fatta.

Con l’eccezione di Luka Doncic, ho deciso di lasciare i rookie fuori visto che quelle classifiche non sono quasi mai accurate. I giocatori infortunati di spicco sono inclusi anche se potrebbero essere leggermente più bassi di quanto sarebbero completamente sani. Giovani giocatori come Markelle Fultz, Bam Adebayo e DeAndre Ayton (tra gli altri) saranno probabilmente nella Top 100 nel momento in cui inizia la stagione. Ma per vari motivi non riesco a includerli prematuramente. Se vuoi vedere l’elenco nella sua interezza senza descrizioni, scorri fino in fondo. Goditi la mia Top 100, arrabbiati, arrabbiati, forse anche d’accordo … Sai che questa è solo la mia valutazione / opinione sul gioco, giusto?

Possibili top 100 2018-2019 : Markelle Fultz, DeAndre Ayton, Collin Sexton, Shai Gilgeous-Alexander, Rodney Hood, Taurean Prince, D’Angelo Russell, John Collins, Jeremy Lin, Kevin Knox, Dennis Smith Jr. Isaiah Thomas, Jonathon Simmons, Jonathan Issac, Lauri Markkanen, Evan Fournier, Reggie Jackson, Josh Okogie, Jordan Bell, Jabari Parker, Lonzo Ball, Josh Hart, Trae Young, Marvin Bagley III, OG Anunoby, Bam Adebayo

  1. LeBron James

LeBron James si è completamente cementato come uno dei primi 2 giocatori di tutti i tempi in questa stagione. LeBron ha portato i Cleveland Cavaliers alla quarta finale della NBA Finals, la sua ottava scala. Anche se sono stati spazzati, hanno avuto una legittima possibilità di vincere i Giochi 1 e 3, e chissà cosa succede se la mano di LeBron fosse al 100%. Ti darò dei numeri anche se non rendono nemmeno giustizia a come ha giocato bene in questa stagione. 104 Giochi Straight … Ho già detto che era il 15 ° anno?

Stagione regolare: 27.5 PPG 8.6 RPG 9.1 APG 54.2% FG 28.6 PER

Post Season: 34,0 PPG 9,1 RPG 9,0 APG 53,9% FG 32,2 PER

2. Kevin Durant

Guarda Kevin Durant e Stephen Curry come 2A e 2B. KD è il giocatore di basket superiore. Lui è 7’0 “ed è un difensore“ + ”e sebbene non riesca davvero a eguagliare l’entità dell’attenzione che Steph acquisisce, le sue dimensioni e la sua abilità nell’ottenere qualsiasi tiro che gli piace gli danno il vantaggio per me. la serie contro gli Houston Rockets ma ha approfittato di ogni opportunità nelle finali contro i Cleveland Cavaliers.

3. ** Kawhi Leonard **

Kawhi è indiscutibilmente un giocatore tra i primi 5 in buona salute. La sua situazione durante la scorsa stagione riguardava il suo rapporto con gli Spurs e la sua salute. Sappiamo cosa può fare Kawhi su entrambi i fronti, la mia domanda principale per la prossima stagione è: “Potrà fare un altro passo avanti? Sarà lo stesso giocatore? “

4. Stephen Curry

Steph è un uomo baaaaad. Fa andare i Guerrieri. Attira così tanta attenzione in attacco, che rende le cose facili per tutti gli altri. È ancora un giocatore di livello MVP che probabilmente non vincerà mai un altro premio. Sarebbe stato nella mia prima squadra All-NBA se avesse giocato almeno 60 partite 26.4 PPG 5.1 RPG 6.1 APG 49.5% 42.3% 3FG 92.1% FT…. lol

5. Anthony Davis

La fine dell’anno di AD che ha portato i pellicani ai playoff e ad un primo round di Trail Blazer a 3 semi è stato semplicemente fantastico. La sua capacità di influenzare il gioco su entrambe le estremità del campo è ineguagliata da tutti, tranne per quello che tutti supponiamo che sia ancora Kawhi Leonard.

6. James Harden

The Beard ha messo insieme una grande stagione di tutti i tempi, portando gli Houston Rockets a una stagione di 65 vittorie e il miglior record in campionato. Ha continuato la sua corsa di incoerenza nella stagione post, ancora una volta … Ma, quando VUOLE essere, è probabilmente il giocatore più incustodito dell’NBA.

7. Russell Westbrook

Russ è stato più efficiente nella media di una tripla doppia in questa stagione, ma è stato rapidamente spazzato via dal tappeto dalla maggior parte delle persone. Grant the Thunder ha aggiunto PG e hanno vinto una partita in più rispetto all’anno precedente. È ancora uno dei talenti più singolari della lega e quando si blocca completamente, non può davvero essere fermato.

8. Giannis Antetokounmpo

Giannis ha fatto un altro passo nel suo sviluppo durante la stagione 2017-18. Era un candidato MVP all’inizio della stagione e sebbene i Bucks non avessero conseguito risultati soddisfacenti, non lo fece di certo (26,9 PPG 10,0 RPG 4,8 APG 27,3 PER). Non essere sorpreso se Giannis vincerà l’MVP la prossima stagione e si affermerà accanto a ragazzi come LeBron e KD nei prossimi.

9. Kyrie Irving

Kyrie ha avuto un’uscita super efficiente durante la sua prima stagione con i Boston Celtics. I colloqui sull’MVP potrebbero essere stati prematuri, ma ha presentato la sua capacità di gestire una squadra e ha mostrato l’abilità di coinvolgere tutti e sentire quando la squadra aveva bisogno che fosse aggressivo / assertivo.

10. Jimmy Butler

Sebbene i Timberwolves abbiano aggiunto diversi pezzi veterani lo scorso bassa stagione, Jimmy Butler ha avuto il maggiore impatto sulla loro squadra. Aveva alcuni problemi di infortunio verso la fine della stagione regolare, ma era un candidato della Seconda squadra della NBA, nonché il giocatore più importante dei Timberwolves.

11. Paul George

NBA Twitter ama prendere in giro PG e non sono sicuro del perché (sì, ha fatto uno spot di fantascienza Gatorade). Il soprannome di “Playoff P” non è stato del tutto falso fino a quando non è diventato allergico al basket in Game 6 contro lo Utah. Paul George è ancora oggi uno dei giocatori più impattanti e versatili della NBA, durante la calunnia calunnia. In un altro anno con Russ, meno Melo, Paul George dovrebbe avere la migliore stagione della sua carriera.

12. Joel Embiid

Embiid ha ancorato una squadra di Sixers che è diventata pazza per tutto il corso della stagione. Molte persone hanno avuto i Sixer vincendo l’Oriente a causa di come stavano rotolando. Embiid è / è stato il motore di questa squadra, portando versatilità difensiva, dominio in post basso e un’energia che non può essere razionalizzata. Con Embiid, i Philadelphia 76ers saranno una forza la prossima stagione e oltre.

13. Damian Lillard

Lillard ha avuto una stagione straordinaria, vincendo gli onori della Prima Squadra NBA. La sua esibizione contro i pellicani al primo turno ha lasciato molto a desiderare, ma penso che possiamo segnare su un grande gameplan di New Orleans e una grande prestazione difensiva di Jrue Holiday e Rajon Rondo.

14. Chris Paul

CP3 è entrato e ha immediatamente trasformato gli Houston Rockets in un colosso. Houston era 49–8 con CP3 e, a parte l’infortunio al tendine del ginocchio che ha subito nel Game 5 del WCF, i Rockets potrebbero aver vinto il loro primo titolo dal 1995 .

15. Città di Karl-Anthony

La KAT ha avuto un inizio traballante della stagione, soprattutto nella parte difensiva. Una volta che sembrò impegnarsi di più in quell’estremità del campo, e quando il “nuovo look” T-Wolves iniziò a sgretolarsi, KAT iniziò a brillare. Le città sono diventate una minaccia letale dal centro questa stagione, sparando al 42%. Ha anche mantenuto la sua reputazione di doppio doppiatore (68), questa volta in una squadra di playoff.

16. DeMarcus Cousins

Boogie stava vivendo una delle migliori stagioni statistiche da un grande uomo in memoria recente, fino a quando non ha strappato le sue achille. Un grande offensivo di alto livello si è appena unito a uno dei più grandi team della storia della NBA. Spero che i cugini possano tornare in forma e ottenere la “borsa” nell’estate 2019. Probabilmente i Warriors avrebbero vinto senza Cugini e anche se non mi piacciono particolarmente, dovrebbe essere divertente.

17. Klay Thompson

Klay è l’incarnazione umana di un forno a microonde ogni volta che sale sul campo. Klay può diventare caldo in pochi secondi e la prossima volta che guardi il punteggio potresti essere in calo di nove punti. Oh, e difende la migliore guardia della squadra avversaria ogni notte ad alto livello. Penso che la maggior parte delle persone apprezzi il gioco di Klay Thompson, ma la sua capacità di adattarsi perfettamente a un’offesa senza nemmeno dover dribblare è un talento ELITE.

18. John Wall

John Wall ha avuto un inizio brusco nella stagione 2017-18 e lo ha seguito con un infortunio tenendolo fuori per circa 2 mesi. I John Wall pensano che i pezzi abbiano invaso il mercato una volta che i Maghi hanno avuto successo senza di lui. Il suo ritorno dimostrò che era ancora una delle migliori guardie della lega mentre portavano i Raptors con semi n. 1 in 6 partite. * Media 26,0 punti 11,5 assist 2,3 Ruba 1,3 blocchi 44% FG *

19. Victor Oladipo

In questa stagione, Victor Oladipo ha fatto il salto nel giocatore e molti l’hanno proiettato fuori dall’Indiana. Ha trasformato quello che una volta era considerato un commercio sbilenco a favore di OKC, in una fuga dall’Indiana. Dipo ha portato gli Indiana Pacers ai playoff e un record migliorato. Oh, e è andato in punta di piedi con LeBron James in una estenuante serie di 7 giochi con Cleveland Cavaliers

20. DeMar DeRozan

I Toronto Raptors hanno deciso di rivedere il loro grave reato di isolamento nel 2017-2018 e sono stati corposi per il successo della loro squadra. DeRozan e Lowry sono diventati molto più efficienti e i Raptors hanno avuto il miglior record in Oriente. Sappiamo tutti come si è conclusa la stagione, ma durante il primo turno, DeMar DeRozan si è esibito ad alto livello e gli è valso il premio All-NBA Second Team. Un DeRozan affamato, motivato e tradito dovrebbe avere una grande stagione con i San Antonio Spurs.

21. Nikola Jokic

Potresti sostenere che Nikola Jokic è il miglior uomo offensivo della NBA. Manca gravemente la parte difensiva, che ostacolerà il suo soffitto come giocatore di basket completo, tuttavia è ancora un incubo di confronto per le squadre avversarie. Ha solo 22 anni e aveva una media di 18,5 PPG 10,7 RPG 6,1 APG. Nelle ultime 31 partite della stagione, Jokic ha registrato una media di 21,7 PPG 11,1 RPG 7,2 APG …

22. Draymond Green

Ovviamente Draymond è il beneficiario di giocare a fianco di alcuni dei migliori giocatori off-off off-ball della storia della NBA, rendendo il suo lavoro di regista straordinariamente più semplice. Ma ciò non toglie il lavoro che fa per i Guerrieri in attacco e, difensivamente, è uno dei migliori / versatili difensori di tutti i tempi e scenderà come uno dei più memorabili (Rodman, Mutombo, Russell , B.Wallace)

23. Kristaps Porzingis

KP ha avuto un inizio caldo nella stagione 2017-18, essendo un candidato MVP consensuale attraverso i primi 20 giochi (26,0 PPG 6,8 RPG 2,2 BPG 46,4% FG). Si è rinfrescato come i Knicks, ma ha comunque mantenuto un livello di gioco All-Star. A 7’3 “, l’abilità di Kristaps Porzingis di segnare in vari modi e proteggere il cerchione lo rende oggi uno dei giocatori più singolari della NBA.

24. Bradley Beal

Gli infortuni sono stati una delle principali preoccupazioni per i primi pochi mari della sua carriera, ma negli ultimi due, Bradley Beal ha perso solo 5 partite totali. Durante l’infortunio di John Wall in questa stagione, Beal ha lasciato un po ‘a desiderare anche se credo che si sia ancora esibito a livello di una stella. Ha mostrato la capacità di essere il regista principale per un reato, un ruolo che non abbiamo visto molto a questo punto. Anche se si può dire di più sulla prima stagione John Wall, i Wizards hanno avuto più successo con lui fuori dalla lineup, e con Bradley Beal che è diventato un regista principale e ha fatto diminuire il PPG.

25. ** Gordon Hayward **

Un’altra proiezione. È difficile determinare dove Hayward cadrà nell’erarchia dei giocatori della NBA dato che ha giocato solo pochi minuti in questa stagione. Hayward è un giocatore solido che senza dubbio sarà il beneficiario di giocare nell’offesa del suo ex allenatore del college. Supponendo che ritorni un giocatore simile a quello che era prima dell’infortunio, Hayward dovrebbe avere il minimo adattamento da fare, al di fuori di Al Horford e Kyrie Irving.

26. Al Horford

Se mi dicessi che Al Horford è stato il miglior giocatore dei Celtics in questa stagione, lo intratterrei. Horford è il grande prototipo nell’odierna NBA. Sebbene non produca statistiche sgargianti, non si può negare la sua abilità e importanza in campo.

27. Andre Drummond

La scorsa stagione, Andre Drummond ha fatto passi da gigante nella parte offensiva diventando qualcuno attraverso il quale i Pistoni avrebbero potuto attaccare. La decisione di Stan Van Gundy di mettere Drummond al primo posto tra le altre azioni, ha mostrato il potenziale che Drummond ha ancora nel suo gioco. Drummond ti darà almeno 13-15 rimbalzi ogni notte (16,0 in 17–18) e se continua a migliorare il suo repertorio offensivo, potrebbe spaventare i grandi uomini della lega. Oh, e ha migliorato la sua percentuale di tiro libero dal 38% al 60%

28. Kyle Lowry

Kyle Lowry è riuscito a sfuggire alle battute di “Playoff Kyle Lowry” in questo post-stagione. Si è esibito anche ad alto livello nella stagione regolare e, sebbene abbia visto una leggera diminuzione della produzione statistica, non ha perso un passo.

29. Khris Middleton

Khris Middleton può essere un candidato per la maggior parte dei giocatori sottovalutati nella NBA. Senza Middleton, i Milwuakee Bucks potrebbero non aver annusato i playoff. Sebbene molte delle lotte della squadra riguardassero il coaching, la creazione di tiri buoni / efficienti era scarsa al di fuori di Middleton e Antetokounmpo. Dopo aver perso gran parte della stagione 2016-17 a causa di un infortunio al tendine del ginocchio, Middleton ha giocato tutti e 82 ed era quasi inarrestabile in una serie di 7 partite contro i Boston Celtics. (24.7 PPG 5.1 RPG 3.1 APG 59.8% FG 61.0% 3FG)

30. Ben Simmons

Ben Simmons è un grande giocatore principiante o no. Sarebbe molto più in alto in questa lista se potesse sparare letteralmente ovunque al di fuori di 5 piedi. La sua capacità di controllare il ritmo e fare giochi in transizione è eguagliata solo da Hall of Famers. Se riesce a sviluppare un post game o un jumpshot basso e coerente, competerà per il miglior titolo PG.

31. LaMarcus Aldridge

Ho raggiunto un punto in cui non riesco a guardare le partite di Spurs a causa di LaMarcus Aldridge. Non perché sia ​​un cattivo giocatore o qualcosa del genere, penso solo che i giocatori della NBA dovrebbero essere in grado di correre, saltare e muoversi più velocemente di me, tutto qui. Immagina se LaMarcus fosse atletico come Tory Lanez, probabilmente sarebbe il migliore in campionato. Wild. 23.1 PPG 8.5 RPG 51% FG + ha portato gli Spurs ai playoff senza Kawhi (inserire emoji scrollata di spalle). L’aggiunta di DeMar DeRozan agli Spurs dovrebbe essere divertente e di medio raggio.

32. Rudy Gobert

L’impatto di Rudy Gobert è stato subito avvertito quando è tornato da un infortunio a metà gennaio. L’Utah Jazz è andato 30–8 ed è riuscito a prendere il 5 ° seme dopo essere sembrato una squadra della lotteria per la maggior parte della stagione. Gobert è il difensore dell’anno 2017-2018 e dovrebbe essere in lizza per il premio per molti anni a venire.

33. Blake Griffin

Blake Griffin ha compiuto il passaggio completo da high-flyer a un grande uomo abile / regista. La scorsa stagione ha fatto una media degli assist nella sua carriera (5,8) e, sebbene a volte abbia spesso lottato con la selezione dei tiri, ha avuto dei bei momenti tra infortuni e aggiustamenti al commercio.

34. Kemba Walker

Kemba è stato coerente negli ultimi anni nella produzione statistica e sebbene abbia continuato a migliorare, i Charlotte Hornets non hanno superato la “gobba”. Ha ancora i suoi difetti come regista, ma la sua capacità di controllare il ritmo e ottenere secchi in mazzi è paragonata solo a pochi giocatori del campionato. ** Vedi i suoi 47 contro Chicago, 46 ​​in 28 minuti contro Memphis **

35. Steven Adams

Steven Adams è il compagno di squadra perfetto per Russell Westrbook. “Bassa manutenzione”, scarsa necessità di colpi ed eccelle nell’afferrare le sue mancate. In tutta serietà, Steven Adams è ampiamente considerato il giocatore più forte della lega e impone continuamente la sua volontà sul vetro e sembra sempre fare il giusto gioco in attacco.

36. Kevin Love

Sebbene Kevin Love non sia più il giocatore che era in Minnesota, si esibisce comunque a livello di All-Star. È stato il giocatore più spesso criticato nei Cavs al di fuori di * LeBron e sebbene alcune volte sia garantito, è un artista coerente. La sua capacità di prendere rimbalzi è più preziosa di quanto pubblicizzato e parte integrante del suo gioco. Ha grosse difficoltà nell’estremità difensiva, ma quando si blocca può essere molto più bravo in tal senso. Giocare con LeBron ha reso Kevin Love più difficile da classificare in campionato, ma guardando ogni partita che ha giocato nelle ultime due stagioni è chiaro che è ancora tra i migliori. Cerca che abbia la sua migliore stagione dal Minnesota, senza LeBron James.

37. Jrue Holiday

Jrue Holiday è tornato al modulo All-Star 2013 e ha guadagnato il suo contratto da $ 25 milioni / anno in questa stagione. Aveva una media di 19,0 PPG 4,5 RPG 6,0 APG 49,4% FG ed era una minaccia per le guardie di piombo avversarie ogni notte. Una volta che DeMarcus Cousins ​​è andato giù con una stagione che ha concluso l’infortunio con Achille, Jrue Holiday è scivolato in quel ruolo n. 2 e si è complimentato enormemente con Anthony Davis e ha preso diverse partite durante il tratto.

38. ** Mike Conley **

Mettere Mike Conley qui è un’approssimazione colta. Se ritorna alla forma in cui stava giocando costantemente, dovrebbe trovarsi da qualche parte in questo intervallo. Se tornerà e si esibirà come ha fatto contro gli Spurs nel Primo Round dei Playoff 2017, sarà molto più in alto in questa lista.

39. CJ McCollum

CJ McCollum è uno dei giocatori offensivi più entusiasmanti della lega. La sua capacità di finire e creare spazio per i suoi tiri è una delle migliori dell’intera lega. Ha problemi sulla parte difensiva essendo un 2-guard sottodimensionato ma è ultra-competitivo e raramente viene sfruttato ripetutamente. Sarebbe interessante vederlo nel ruolo di regista principale, se lui o Dame finissero per essere commossi nel prossimo futuro.

40. Donovan Mitchell

Sembrava che Donovan Mitchell migliorasse ogni giorno della sua stagione da principiante. Spida è sbocciato come un giocatore di riferimento per tutto l’anno e ha portato lo Utah Jazz al secondo turno dei playoff della Western Conference. Ha avuto i suoi momenti da principiante ma per un ragazzo che è quasi tornato a Louisville, ha egregiamente superato i risultati. Cercalo per affermarsi tra i migliori del campionato in questa stagione.

41. DeAndre Jordan

DeAndre Jordan è il prototipo del grande uomo in corsa nella moderna NBA. Vorresti che fosse in grado di cambiare P&R e tirare meglio i tiri liberi, ma vivrai con i suoi difetti fintanto che porta 10Pts-15Reb-2Blk ogni notte.

42. Devin Booker

Mr. 70 ha avuto un aumento subdolo di punti, assist, Fg%, 3FG% e FT% la scorsa stagione. Anche se i Suns sono stati orribili la scorsa stagione, DBook è stato l’obiettivo principale nel rapporto di scouting ogni notte. Devin Booker ha molte potenzialità e se migliora marginalmente alla fine della difesa, sarà un giocatore perenne tra i primi 20 nelle stagioni a venire.

43. Jayson Tatum

Jayson Tatum è riuscito a sbocciare in una stella a causa dello sfortunato infortunio di Gordon Hayward nel gioco 1/82. È un altro candidato a ricoprire questo consiglio una volta che si rende conto di quanto sia veramente bravo. Speriamo di riuscire a fare una chiara distinzione nel suo sviluppo con il ritorno di Gordon Hayward.

44. Goran Dragic

Goran Dragic non è particolarmente appariscente, e raramente metterà a punto statistiche sgargianti, risultando nei commenti “Dragic is trash” del fan medio all’annuncio della sua offerta All-Star. Ma non lasciarti ingannare, Dragic è stato il motore alla guida della Miami Heat la scorsa stagione.

45. Clint Capela

Clint Capela è notevolmente migliorato in questa stagione, e sebbene tutta la sua partita offensiva dipenda da James Harden e Chris Paul, la sua capacità di giocare a P&R e proteggere il cerchio costituisce la maggior parte del suo valore. Inoltre, a questo punto Capela sembra essere a suo agio nel suo ruolo, qualcosa che dovrebbe essere valutato più di quello che è. Shoutout a Dwight.

46. ​​Tobias Harris

Tobias Harris ha segnato in media 18,6 PPG e 5,5 RPG sparando il 41% da 3 in questa stagione. È un altro giocatore che non è affatto appariscente, ma sembra sempre fare il gioco giusto. La versatilità di Harris può essere il suo più grande attributo in quanto può giocare 2–4 e sorvegliare 1–4, mentre si adatta perfettamente a una squadra.

47. Lou Williams

Vincendo il sesto uomo dell’anno, Lou Williams ha portato il suo gioco ad un altro livello durante la stagione 2017-18. Ha avuto alti di carriera in punti, assist, FGA e minuti. Se avesse suonato a est sarebbe stato un All-Star, un riconoscimento che non avrei mai pensato che sarebbe stato vicino a raggiungere. Se ti sei perso quanto era bravo Lou Williams in questa stagione, guarda la sua palla 50 contro i Warriors …

48. Marc Gasol

Marc Gasol era completamente irrilevante, giocando per i 22-60 Memphis Grizzlies. Ha mostrato la capacità e il talento di essere MOLTO più in alto in questa lista, ma giocare per una squadra cattiva sembrava in qualche modo verificato.

49. Julius Randle

Julius Randle potrebbe aver iniziato a rendersi pienamente conto di quanto fosse bravo nel corso della stagione dell’anno scorso. Ha migliorato ogni mese della stagione e in marzo, Randle ha registrato una media di 22,3 PPG 9,9 RPG 56,8% FG.

50. Jaylen Brown

Jaylen Brown è passato dalle lotte per alcuni minuti dietro a Jae Crowder a un giocatore importante in una squadra che era a una partita dal raggiungere le finali NBA. JB faceva una media di 18,0 PPG 4,8 nei giochi di ruolo nei playoff mentre combatteva contro un fastidioso infortunio al tendine del ginocchio. Ha avuto diversi momenti durante i playoff in cui sembrava di essere il miglior giocatore in campo. Il suo atletismo d’élite e la sua difesa, insieme a un miglioramento del gioco offensivo, offrono a Jaylen Brown la possibilità di diventare uno dei migliori giocatori della lega nel prossimo futuro.

51. Gary Harris

Gary Harris è sottovalutato dalla maggior parte delle persone. Suona per i Denver Nuggets, che spesso giocano alle 9:30 su League Pass. Non è la migliore combinazione per l’esposizione. Gary Harris gioca anche con Nikola Jokic e Jamal Murray, i cui giochi sono molto più vistosi e commerciabili dei suoi. Harris tiene insieme i Nugget facendo tre con una clip del 39,4%, fornendo una difesa costante contro le guardie di piombo avversarie di notte.

52. Brandon Ingram

La scorsa stagione Brandon Ingram ha apportato notevoli miglioramenti. È migliorato in tutte le principali categorie statistiche, ha assunto più responsabilità e ha richiesto molta più attenzione ogni notte. Ingram è stato spesso invocato per fare grandi giochi in attacco e la chiave si ferma in difesa per tutta la stagione. La futura costruzione del roster dei Lakers svolgerà un ruolo in quanto Ingram salirà in questa lista la prossima stagione. Un trade con una squadra che gli consentirà di essere il punto focale, porterebbe probabilmente a un premio Most Improved Player la prossima stagione. Mentre si gioca a fianco di LeBron James può benissimo avere lo stesso effetto.

53. Harrison Barnes

Harrison Barnes è uno strano giocatore in classifica. Alcune sere andrà in punta di piedi con Paul George o LeBron, e altri verrà completamente sconfitto da Joe Ingles o Trevor Ariza. Alcune delle disparità hanno a che fare con la dipendenza di Mavericks da lui, ma sembra anche galleggiare per natura. I Mavs sono stati una delle peggiori squadre del campionato nelle ultime due stagioni, quindi le sue statistiche potrebbero essere gonfiate in una certa misura. Sono interessato a vedere cosa farà al fianco della star Rookie Luka Doncic la prossima stagione.

54. Paul Millsap

Paul Millsap ha perso la maggior parte della stagione 2017-18 con un infortunio al polso e quando è tornato sembrava a disagio e fuori posto a volte. Anche se sta invecchiando, vorrei cercarlo per tornare più vicino al modulo All-Star ed essere molto più in alto in questo elenco.

55. Otto Porter Jr.

Sono sicuro che i Maghi vorrebbero che avrebbero potuto avere uno scenario in cui le reti di Brooklyn non offrivano a Otto Porter Jr. il massimo, che si sentivano costretti a eguagliare. Tuttavia, l’estate del ’16 è stata selvaggia, e le ali 3 & D sono un premio nella moderna NBA. Otto Porter Jr. è una delle migliori giovani ali del campionato, ha un sacco di spazio per migliorare offensivamente, ma una media di circa 15, sparare il 44% da tre e difendere 1–4 è più che sufficiente.

56. Jamal Murray

Direi che Jamal Murray ha buone possibilità di fare un altro salto nella prossima stagione e di “volare” su questa lista. Ha avuto diversi momenti speciali durante la stagione ed è diventato il giocatore meno amato dai fan dei Lakers. Ogni volta che la base di fan di un’intera organizzazione ha cattivi desideri contro di te, probabilmente stai riuscendo in qualche forma o modo. Ha ancora giochi in cui può galleggiare e uscire dal gioco, ma quelli sono diventati molto meno frequenti nel corso della stagione.

57. Aaron Gordon

Quando suoni per l’Orlando Magic, l’esposizione è molto rara. Aaron Gordon si è tranquillamente trasformato in un buon marcatore e un difensore versatile nelle ultime due stagioni. Sembrava che Air Gordon sarebbe mai stato ricordato solo per essere stato derubato da un titolo di schiacciata. Il fatto che Aaron Gordon riceva o meno il suo giusto riconoscimento dipende da quanto siano bravi i suoi futuri team. Ma una volta che diventa più coerente da 3 dovrebbe aprire le porte al resto del suo gioco.

58. Eric Bledsoe

Ero molto più alto su Bledsoe prima di questa stagione. Ha avuto un’ottima stagione 2016-17, mentre i Sun erano una delle peggiori squadre del campionato. Una vittima della spinta del “buon giocatore / squadra cattiva”. La sua esibizione ai playoff è stata strana. Sembrava distaccato, immotivato e riluttante durante la prima serie rotonda con i Celtics. Avere la reputazione di essere uno dei migliori difensori della lega e di essere ripetutamente sconfitto da Terry Rozier potrebbe avere a che fare con la classifica di Drew.

59. Enes Kanter

Kanter è sbocciato in un ruolo più importante con i New York Knicks in questa stagione. Tutti sapevano che aveva un buon post partita, ma ci sono stati diversi momenti durante il suo mandato a Oklahoma City in cui appariva lento e inefficace dal basso. È diventato il complimento rimbalzante perfetto per KP nel loro tempo limitato insieme, e ha anche continuato le sue precedenti buffonate in questa stagione. (* Vedi Cavs-Knicks, novembre 2017.)

60. Myles Turner

Secondo me, Myles Turner ha fatto un passo indietro nella stagione 2017-18. Ha avuto alcuni problemi di infortunio per tutta la stagione, ma non si è esibito al livello che immaginavo sarebbe entrato nella sua terza stagione NBA. Ha giocato meno minuti, ha sparato una percentuale peggiore e ha bloccato meno tiri. Non fraintendetemi, ha continuato a esibirsi, ma in termini di sviluppo generale è stata una delusione. Si è allenato con l’allenatore che ha contribuito a trasformare Victor Oladipo in un giocatore All-NBA così, si spera, che si stacchi su Myles Turner, almeno nella sua rapidità laterale. Io spero.

61. Jeff Teague

Teague sembra sempre che abbia un soffitto piuttosto alto ma anche un piano basso. Spesso cade nel mezzo ma le sue cattive prestazioni possono farti perdere partite mentre le sue grandi prestazioni possono farti vincere. La dicotomia di Jeff Teague. Ex All Star.

62. Dennis Schroder

Dennis the Minace ha avuto la sua parte di momenti eccezionali nelle ultime stagioni. Quando Atlanta era ancora una squadra di playoff, si presentava costantemente in panchina e spesso sembrava migliore dell’All-Star Jeff Teague. Da allora, ha iniziato per una squadra di Hawks in transizione e ha reso difficile capire quanto sia bravo

63. Marcus Smart

Il valore di Marcus Smart sul campo da basket di solito non compare nel punteggio della casella. Difesa, intensità, flop d’élite e regia compensano la sua incapacità di sparare o creare il suo tiro.

64. Terry Rozier

Spaventoso Terry è sbocciato almeno in una stella in erba in questa stagione. Collettivamente, le lesioni dei Boston Celtics potrebbero essere state la più grande benedizione sotto mentite spoglie che avrebbero potuto chiedere. Più minuti e opportunità per i loro giovani giocatori ci hanno permesso di vedere le loro capacità e il potenziale non sfruttato. Rozier ha avuto giochi in stile Kyrie durante le assenze per infortunio di Kyrie. Fino alla serie Cleveland, Rozier ha realizzato una media di 18 APG a 5,5 PPG 5,5 RPG mentre ha sparato il 39,6% da 3 con 3,2. Numeri jolly per un “backup”.

65. Jusuf Nurkic

Potresti sostenere che Jusuf Nurkic è stato il giocatore più importante dei Portland Trail Blazer nell’ultimo anno e mezzo. Dopo essere stato acquisito alla scadenza la scorsa stagione, Nurkic ha migliorato i Blazer di miglia in difesa. Sebbene abbia la sua parte di partite incoerenti, ha vantato un punteggio difensivo di 101,5 e 3,9 azioni difensive vincenti in questa stagione. Abbastanza buono per il 7 ° e il 9 ° rispettivamente.

66. Eric Gordon

Eric Gordon è un secchio automatico, uno dei migliori giocatori della lega dalla panchina. Se hai visto Houston nelle ultime due stagioni sai quanto sia importante per la squadra. Quando James Harden o Chris Paul hanno iniziato in modo brusco una partita, sembra sempre che EG sia pronto a prenderli.

67. Andrew Wiggins

Il giocatore più frustrante della lega va a ……. Andrew Wiggins per il quarto anno consecutivo. Wiggins ha tutte le capacità atletiche del mondo e, sebbene non sia così cattivo come può mostrare la sua valutazione difensiva, riesce a essere un cattivo difensore. Sono emerse notizie secondo cui Jimmy Butler aveva un problema con l’etica del lavoro di Andrew Wiggins. Credo ancora che Wiggins possa diventare un buon giocatore di livello All-Star, ma dovrebbe arrivare prima piuttosto che dopo ora che è un giocatore massimo.

68. JJ Redick

Sharpshooting JJ Redick ha aperto il reato di Sixers e sembrava avere una grande influenza sul loro stile di gioco in questa stagione. Il primo veterano di “The Process” ha aiutato i giovani Sixer a scendere ai playoff e li ha portati a segnare per buona parte del tempo.

69. Fred VanVleet

Fred Van Vleet ha scommesso su se stesso come un undraftee, e penso che sia sicuro di dire che ha funzionato. Van Vleet divenne uno dei migliori sesti uomini dell’NBA, giocando la maggior parte dei minuti crunch per i Toronto Raptors n. 1.

70. ** Luka Doncic **

Sto mettendo Luka qui per buona misura. L’anno 2 è probabilmente quando vedremo il maggior miglioramento e l’impatto nel suo gioco, ma molto probabilmente sarà un buon giocatore dal salto.

71. Dwight Howard

Per qualsiasi motivo, Dwight Howard viene considerato come immondizia completa. Deriva dalla sua stagione con i Lakers ma Dwight è stato sempre un buon giocatore. Ha la tendenza a diventare uno spogliatoio “cancro” che, onestamente, può escludere la maggior parte o tutta la produzione che mette sul pavimento. Ma per il resto, Dwight Howard ha mantenuto una produzione costante in campo ogni notte.

72. Joe Ingles

Ingles ha assunto un ruolo più importante con la partenza per Forward Gordon Hayward. Anche il tiro al bersaglio in avanti è un grande regista. Può presentare grossi problemi per qualsiasi squadra, in qualsiasi notte. Se lo sottovaluti a causa del suo aspetto non minaccioso, ti farà pagare. (Chiedi a Paul George …)

73. Ricky Rubio

Ricky Rubio non è mai diventato il giocatore che molte persone pensavano avrebbe fatto dopo essere scoppiato sulla scena alle Olimpiadi di Pechino del 2008. Ma non sottovalutare il gioco di Rubio. Sebbene non sia un tiratore o un marcatore di alto livello, Rubio controlla il ritmo del gioco ed è anche un buon difensore “subdolo” (lol).

74. Will Barton

Will “The Thrill” Barton è diventato un marcatore e regista efficace, sia in partenza che in un ruolo di riserva. Da quando è stato un ripensamento sui Portland Trail Blazer, Barton è migliorato nelle sue ultime tre stagioni con i Denver Nuggets.

75. Rajon Rondo

Rondo ha raggiunto la fase della sua carriera che include il massimo sforzo solo in giochi significativi. Dopo diversi periodi di “cattivo adattamento” con le squadre, Rondo potrebbe aver trovato il suo punto di atterraggio perfetto a New Orleans. Porta l’energia, la leadership veterana e la grinta che possono mancare senza avere DeMarcus Cousins ​​sul pavimento. Stagione regolare vs Playoff per riferimento … Statistiche stagione reg: 8.3 PPG 4.0 RPG 8.2 APG Statistiche playoff: 10.3 PPG 7.6 RPG 12.2 APG 1.4 STL 42.1% 3FG

76. Malcolm Brogdon

Contrariamente alla credenza casuale dei fan, il famigerato Rookie of the Year 2017 è davvero bravo a basket. Malcolm Brogdon non è un giocatore eccessivamente eccitante, ma dovrebbe essere un pezzo chiave di una squadra contendente per gli anni a venire. (A volte è stato il miglior PG in the Bucks in questa stagione)

77. Andre Roberson

Roberson non otterrà mai il rispetto che merita e per buoni motivi. Non può costantemente sparare fuori da una schiacciata. Probabilmente è il miglior difensore perimetrale della NBA, ed era in seria considerazione per il premio del difensore dell’anno prima della fine della stagione.

78. Tim Hardaway Jr.

Una stagione travagliata da infortuni ci ha impedito di vedere quanto Tim Hardaway Jr. potesse essere bravo. Ha avuto un buon inizio, e una volta tornato da un’assenza di 20 partite, sembrava essere tornato e poi ha colpito una zona difficile. Tiro solo del 30% dal campo nei prossimi 10 giochi. Sebbene sia improbabile un grande miglioramento per i Knicks nella prossima stagione, speriamo di vedere se THJ può mostrarci pienamente perché si è meritato quel contratto.

79. Tyreke Evans

Tyreke ha avuto un anno di rinascita con i Memphis Grizzlies, forse il migliore della sua carriera. Come il suo anno da principiante con i Re, i Memphis Grizzlies erano in lizza per il peggior record della lega per tutta la stagione. Ha sfruttato al massimo i suoi minuti ed è stato costantemente uno dei giocatori più temuti di Memhpis, con il suo raggio d’azione migliorato.

80. E’Twaun Moore

E’Twaun Moore, relativamente sconosciuto, è stato un pezzo chiave per una squadra di pellicani senza ala in questa stagione. A 6’4, Moore ha giocato la maggior parte dei suoi minuti a guardia di piccoli attaccanti e ha costantemente sparato luci da tre.

81. Dwyane Wade

D-Wade ha avuto una stagione interessante, iniziando con i Cleveland Cavaliers e in seguito scambiato con il Miami Heat. Ha avuto un cambio di ruolo completo, giocando solo 22 minuti in una partita e prendendo meno colpi di quanti ne abbia mai fatti in carriera. Ha vinto da solo la partita di Heat a playoff contro i Sixers e ha mostrato i flash di “Flash”.

82.Andre Iguodala

Sebbene abbia avuto una brutta fortuna per infortunio, Iguodala è ancora uno dei migliori difensori della lega, e forse il secondo giocatore più importante dei Golden State Warriors.

83. Nikola Mirotic

Ha preso un pugno da Bobby Portis e ha vissuto per suonare un altro giorno. Infine. “Threekola” era un pezzo importante del tratto di pellicani gestito da DeMarcus Cousins. Ha brillato al primo turno contro i Portland Trail Blazers, con una media di 18.3 PPG 9.5 RPG 1.8 SPG 2.5 BPG 46.2% 3FG.

84. Derrick Favors

I favori hanno probabilmente giocato fuori posizione nello Utah nelle ultime stagioni. Ha esteso il suo raggio d’azione e sebbene non ne faccia una buona percentuale, la minaccia da sola apre il reato. I favori potrebbero avere un cambio di ruolo se decidesse di cambiare squadra, eventualmente aprendo ulteriormente il suo gioco.

85. Serge Ibaka

Serge Ibaka ha avuto una buona stagione regolare nel suo primo anno intero con i Toronto Raptors. Ha giocato il minor numero di minuti che ha dal 2011 al 2012 e sebbene non sia più un bloccatore di colpi d’élite, può ancora essere un creatore di differenza in tal senso.

86. Josh Richardson

Josh Richardson ha fatto un salto silenzioso in un giocatore difensivo d’élite in questa stagione. La sua energia e il suo atteggiamento implacabile compensano la sua mancanza di abilità offensive d’élite.

87. Darren Collison

Collison è l’epitome di una solida guardia. Fa pochi errori, controlla il ritmo, colpisce i tre con una clip alta e può difendere. È stato stranamente coerente per tutta la sua carriera e mi aspetto che continui a contribuire positivamente per il prossimo futuro.

88. ** Zach Lavine **

Lavine ha perso gran parte della scorsa stagione ed è ampiamente riconosciuto come un “cattivo team-buone statistiche”. È un giocatore offensivo di grande talento, che con giocatori migliori attorno a sé, brilla ancora di più (vedi Minnesota).

89. Thaddeus Young

Thad Young era una volta una stella in erba in questa lega. Dopo un paio di scambi e cambi di squadra, Young si è stabilito come un importante ragazzo di colla, che al suo apice gioca tutto. Può rimbalzare, sparare fuori, gestirlo un po ‘e difendere 1–5. Non è un giocatore ad alto volume e ha la tendenza a portare via in attacco a volte, ma la sua versatilità difensiva e la capacità di giocare con diverse formazioni lo rendono prezioso.

90. Marcus Morris

Marcus Morris è un ragazzo che ogni squadra vorrebbe. Può sorvegliare e giocare più posizioni e può essere un marcatore d’élite a volte. Quando Marcus Morris inizia l’attacco, le sue squadre sono di solito estremamente difficili da battere, date l’energia aggiunta e le tendenze a microonde del suo gioco.

91. Trevor Ariza

Trevor Ariza è stato uno dei giocatori più importanti degli Houston Rockets negli ultimi anni. Affronta la migliore ala di notte e compensa molte delle difficoltà che James Harden ha su quell’estremità del pavimento. Ariza è un buon tiratore dal profondo, e non ha problemi a rimandare a Eric Gordon, James Harden e ora Devin Booker, quindi attendere le sue opportunità, distanziando il pavimento.

92. Dejounte Murray

Dejounte Murray ha fatto il salto in uno dei migliori difensori della lega la scorsa stagione. Ha ancora moltissimo da fare nella parte offensiva, ma la sua capacità di recuperare rimbalzi e aggiungere esperienza nel “correre” una squadra dovrebbe essere di buon auspicio per le sue prestazioni future.

93. Markieff Morris

Vedi Marcus Morris *

94. Robert Covington

Se Robert Covington può diventare più coerente con la sua selezione di tiri da tre punti la prossima stagione, sarà molto meglio. Giocare con JJ Redick e Marco Belinelli ha avuto un’influenza negativa sul suo gioco quando ha iniziato a credere di essere loro. Non fraintendetemi, può davvero sparare dal profondo, ma dovrebbe lasciare i tre quartieri sbilanciati a Redick. Se riduce la selezione di tiri sporadici, potrebbe essere il quintessenziale, 3 & D in campionato.

95. Dario Saric

Saric è stata una piacevole sorpresa per i 76er nelle ultime due stagioni. Sebbene fosse una scelta della lotteria, io, come molti avevano ipotizzato, avrebbe avuto un periodo di adattamento all’inizio della sua carriera nella NBA. Finora Saric è stato un giocatore offensivo di grande impatto, segnando in molti modi ed essendo un buon rimbalzo supplementare al fianco di Embiid.

96. Jonas Valanciunas

Valanciunas è diventato più efficiente e ha ampliato la sua gamma e ha giocato un ruolo chiave nella stagione delle vittorie record di 59 Raptors. Sembrava che Valanciunas fosse uno dei big della razza morente due stagioni fa, ma ha messo il lavoro per diventare una minaccia esterna e ha sacrificato i minuti per consentire ai Raptor di raggiungere il loro potenziale.

97. James Johnson

Se guardi molto basket, sai che James Johnson è un giocatore solido. Può influenzare il gioco in diversi modi. Proteggere più posizioni, correre in transizione, giocare e portare fuoco ed energia. Alcune delle sue abilità non si presentano sul foglio delle statistiche, ma l’impatto di Johnson è enorme per il Calore.

98. Brook Lopez

Lopez ha sempre stranamente lottato per rimbalzare. La moderna NBA ha anche reso sempre più difficile per Lopez giocare a difesa. Detto questo, Lopez si è trasformato in un grande, allungato, che ora colpisce i tre a un buon ritmo. Dovrebbe essere adatto per lui che gioca con il coach Budenholzer e al fianco di Giannis a Milwaukee.

99. Hassan Whiteside

Ha ottenuto il suo punteggio 2k. Ha preso la borsa. E ora ha interpretato se stesso con entrambe queste cose. La sua esibizione nei playoff ha lasciato un segno su quella che è stata una buona stagione per Whiteside. Ha avuto momenti la scorsa stagione, ma la sua incapacità di segnare in una varietà di modi e la sua mancanza di versatilità in difesa gli fa male fin dall’inizio. Una volta aggiunta questa contagiosa mancanza di desiderio al suo gioco, diventa ingiocabile e indesiderato nella squadra.

100. Kyle Kuzma

Kuzma è un marcatore a tre livelli ed è stata la più grande sorpresa della Classe Rookie 2017. Anche se i Lakers hanno faticato per tutta la stagione, hanno fatto una grande corsa ed erano competitivi contro molte squadre di alto livello. Kuzma non ha mai avuto paura del momento e MAI paura di sparare. Dovrebbe essere una stagione interessante al fianco di LeBron per Kuzma.

Grazie per aver letto!

Seguimi su Twitter @IamDreTwice